Ugo Mursia Editore - ASPETTANDO L'ADUNATA
All for Joomla All for Webmasters
Accedi
Registrati



Carrello
0 Oggetti - 0,00 €
Aggiungi 25€ spedizioni gratis
Il tuo carrello è vuoto!
I tuoi prodotti Prezzo

ASPETTANDO L'ADUNATA

MURSIA: DALLE PENNE NERE UN CONTRIBUTO FONDAMENTALE PER L’EDITORIA ITALIANA

E' partito il conto alla rovescia per l'Adunata Nazionale degli alpini che si tiene quest'anno a Milano. 10-12 maggio.

Una grande festa popolare ma anche un momento in cui ripercorrere la storia di uno dei corpi militari più amati. 


“Tra le tante cose che gli alpini hanno fatto per il nostro Paese non dobbiamo mai dimenticare il contributo delle Penne Nere alla saggistica, alla memorialistica e alla narrativa. La letteratura alpina ha raggiunto con Jahier, Monelli, Rigoni Stern, Bedeschi, Revelli punte di eccellenza ineguagliate,” dice Fiorenza Mursia, presidente della casa editrice che nel 1963 pubblicò il celeberrimo Centomila gavette di ghiaccio di Giulio Bedeschi, “Così come grandi scrittori alpini hanno tramandato la memoria attraverso i romanzi, allo stesso modo le Penne Nere continuano quel capillare lavoro editoriale di raccolta e divulgazione della memoria. “Con gli alpini sui sentieri della storia” è un altro titolo per tutti perché trasforma la storia in un’esperienza viva, anzi da vivere camminando.”

Dal 1963 anno di pubblicazione del celeberrimo “Centomila gavette di ghiaccio” di Giulio Bedeschi, ufficiale medico della Julia, Mursia ha pubblicato più di un centinaio di libri sulla storia e la memoria degli alpini. Tra i più importanti ricordiamo i saggi sulla storia delle leggendarie divisioni delle Penne Nere:

“Tridentina, Avanti”, “Alpini della Julia. Storia della divisione miracolo”, “Cronache del genio alpino”, i volumi sono curati da Aldo Rasero; la memorialistica della Prima guerra mondiale: “Con gli alpini sulla Marmolada”, “La guerra sulla Croda Rossa”, “Con gli alpini in guerra sulla Dolomiti” curati da Luciano Viazzi. Tra i libri sulla Prima guerra mondiale Mursia è da segnalare  il capolavoro di Piero Jahier “Con me e con gli alpini”. Nel secondo conflitto mondiale le Penne Nere sono state impegnate su tutti i fronti, dall’Africa alla Russia e le memorie sono raccolte in importanti testi come “I più non ritornano” di Eugenio Corti; “Noi soli vivi” di Carlo Vicentini; “Prigioniero in Russia” di Lelio Zoccai; “Dalla steppa russa al Duomo di Danzica” di Piero Redaelli. 

Raccontare è un modo per mantenere viva la memoria e per rendere omaggio a un corpo militare che è simbolo e testimonianze di valori importanti: solidarietà, spirito di sacrificio, dedizione e anche allegria e umanità. Scopri tutto il catalogo alpini a questo link.

 

 

Informazioni

  • icon
    Indirizzo : Via Tadino 29 Milano, MI, Italia.
  • icon
    Ufficio vendite online
    Telefono : 02 277273-21
Top

Questo sito utilizza cookie per il suo funzionamento, anche di «terze parti». L’utilizzo di questo sito, la navigazione verso altre pagine o la chiusura della presente finestra rappresentano un esplicito consenso all’uso dei Cookie. Per conoscere il funzionamento dei Cookie, per bloccarne in tutto o in parte l’utilizzo e per conoscere tutte le informazioni relative al trattamento dei dati personali è possibile visualizzare la pagina di informativa estesa.