Sidebar
-5%

Viglieri A.: In mare, in terra, in cielo

: Non disponibile

: Storia e Testimonianze

: Ugo Mursia Editore

€19,00 €20,00

QUESTIONS & ANSWERS

Have a Question?

Be the first to ask a question about this.

Ask a Question
files/60ff09-payment-glyph-icons-logos-freebie.jpg

In mare, in terra, in cielo
Vicende di pace e di guerra (1915-1945)

Alfredo Viglieri

Pagine: 390
Codice: 14113
EAN 9788842543275
Collana: Testimonianze fra cronaca e storia - 1939-1945: Seconda guerra mondiale


 

«Le storie qui descritte le racconta un uomo di mare, anche le storie di cielo e di terra e lo fa con il senso pratico dell’uomo di mare: vede le cose non secondo le teorie, ma secondo gli occhi.»

 

9 maggio 1943: i superstiti del reggimento «San Marco» schierati nel settore di Biserta, in Tunisia, seguono sulla via della prigionia i soldati dell’Asse che hanno combattuto a difesa dell’ultimo baluardo in Africa settentrionale. È a questo punto che il comandante Alfredo Viglieri rivolge un accorato addio ai suoi uomini.

Da qui ha inizio il resoconto di un uomo di mare, nato sul mare e vissuto per il mare, trasvolatore polare e combattente a terra. Dalla vita dei cadetti dell’Accademia al tempo del Primo conflitto mondiale al racconto dei giorni di incertezza e di stenti degli scampati alla tragedia del dirigibile Italia nel 1928, alle parate di una nazione che cercava nel 1938 il consenso tedesco, all’attacco degli aerosiluranti inglesi a Taranto nel novembre del 1940, a cui assistette dalla plancia della propria unità. Un libro-documento in cui l’Autore, alla luce della sua esperienza, unisce a una serrata e stringata narrazione, la commozione del testimone diretto.


L'autore

Alfredo Viglieri (1902-1979), di famiglia ligure, guardiamarina nel 1919, partecipò alla spedizione al Polo Nord di Nobile. Durante la Seconda guerra mondiale fu al comando di varie unità, e dal novembre del 1942 al maggio del 1943 guidò il reggimento fanteria di marina «San Marco» nella campagna in Tunisia. Nel dopoguerra è stato direttore dell’Istituto Idrografico della Marina (1947-1952) e del Bureau Hydrographique International.È stato promosso ammiraglio di squadra nel ruolo d’onore.


Rassegna stampa