Sidebar
-5%

Bargna M.: Un taxi fantasma per l'Africa

: Copie disponibili in magazzino

: Romanzi

: Ugo Mursia Editore

€16,15 €17,00

QUESTIONS & ANSWERS

Have a Question?

Be the first to ask a question about this.

Ask a Question
files/60ff09-payment-glyph-icons-logos-freebie.jpg

Un taxi fantasma per l'Africa
Massimo Bargna

Pagine: 272
Codice: 23829
EAN 978-88-425-5230-7
Collana: Romanzi


«Jean Pierre era andato spavaldamente a zonzo col taxi, nel cuore della notte, a caccia di soldi e di vanagloria calpestando tutti i segnali di pericolo sparsi sul suo cammino. Pazzo che era. Tutto il resto veniva di conseguenza.»

Il taxi fantasma non passa dai paradisi artificiali per turisti. Jean Pierre, tassista senza licenza, deve battere strade secondarie e per un pugno di franchi è pronto a correre qualunque rischio. Vi porterà con sé, in uno stralunato percorso notturno intorno a una capitale africana, che è una e insieme tutte le metropoli equatoriali. Laggiù si sta sospesi tra magia animistica e modernità selvaggia, dolcezza e crudeltà, gli imprevisti diventano la regola e l'esito del viaggio non sarà mai quello sperato: è l'Africa profonda, bellezza sognante dilaniata dai conflitti etnici, dissanguata dall'illegalità, oppressa dai figli degeneri dell'arroganza colonialista. Questo eroe lunare, sognatore maldestro e sfortunato, nel suo girovagare s'imbatte nei campioni di un'umanità degradata, o in cerca di riscatto, e nelle mille presenze enigmatiche, seducenti e minacciose che abitano la notte. Nulla è intricato quanto la notte del taxi fantasma e dei suoi passeggeri. Se la meta sembra perduta, che cosa ci attende alla fine del viaggio? Chi è stato su quel taxi conosce i mali dell'Africa, e conserverà per sempre dentro di sé un sottile e inestinguibile mal d'Africa.


L'autore
Massimo Bargna è nato a Como nel 1964. Ha pubblicato reportage giornalistici dall'ex Jugoslavia in guerra e dall'Africa, dove ha viaggiato per trent'anni. Nel 2007 ha pubblicato la raccolta di poesie Cadillac. Ha scritto diversi libri e numerosi articoli sull'arte tradizionale, la musica contemporanea e la cinematografia africane. All'attività di scrittore e giornalista, affianca quella di fotografo. Nel 2012, a Milano, ha allestito una mostra fotografica patrocinata dall'Ambasciata d'Etiopia sull'architettura sacra e imperiale dell'Etiopia cristiana. È inoltre autore di canzoni che, come le sue poesie, traggono ispirazione dalle esperienze di viaggio in Africa.