Sidebar
-5%

Pasini R.: Fare e non fare

: Copie disponibili in magazzino

:

: Ugo Mursia Editore

€21,38 €22,50

QUESTIONS & ANSWERS

Have a Question?

Be the first to ask a question about this.

Ask a Question
files/60ff09-payment-glyph-icons-logos-freebie.jpg

Fare e non fare
Arte, cultura, società

Roberto Pasini

Pagine: 328 + 16 a colori
Codice: 11014
EAN: 9788842555674
Collana: Saggi di estetica e di poetica
Con inserto fotografico a colori


Che cosa sono esattamente il fare e il non fare? Quali gli esempi principali in ambito individuale e sociale di queste due matrici universali? Che cosa rappresentano e come si esprimono nel vasto e misterioso mondo della creatività? Partendo da tali interrogativi l’Autore prende il lettore per mano, come ha fatto nei precedenti libri, Teoria generale dell’immagine e La dispensa di Suzanne. Miti, errori e false credenze nell’arte contemporanea, e lo conduce in un viaggio nuovo, affascinante, originale che investe oltre all’arte anche la letteratura, il cinema, il teatro, la filosofia, in un ricco scenario culturale fra Occidente e Oriente.

Il testo analizza i concetti di fare e non fare mettendo in luce le molte sfumature che li contraddistinguono sia in senso generale, come forme del comportamento umano e sue applicazioni nei vari contesti storici e geografici, sia in senso specifico, quali modalità espressive all’interno dell’arte contemporanea. Vengono perciò esaminate le ragioni e concezioni del fare artistico nel corso della storia e, sul versante opposto, le figure di maggiore spicco che hanno operato attraverso il non fare, riunite in una traiettoria che va da Marcel Duchamp a Piero Manzoni, da Yves Klein a Gilbert&George, nella quale si sono concentrati i maggiori sforzi del pensiero creativo per modificare i connotati tradizionali dell’arte, approdando a esiti che ne hanno mutato radicalmente non solo la prassi operativa, ma la stessa definizione.


L'autore
Roberto Pasini (Bologna, 1958), teorico, storico, critico, scrittore, fondatore di collane editoriali, membro dell’Associazione Internazionale Critici d’Arte, direttore di mostre in Italia e all’estero, lecturer nelle principali istituzioni d’arte del mondo (Londra, Parigi, Amsterdam, Barcellona, Vienna, New York, Mosca, San Pietroburgo, Madrid), responsabile di incarichi gestionali e valutativi (Senato accademico, Commissione nazionale per le conferme in ruolo, Revisione dei progetti di ricerca), insegna Storia dell’arte contemporanea all’Università di Verona. Principali volumi nella produzione saggistica degli ultimi anni: Forme del Novecento. Occhio Corpo Libertà, 2005; Che cos’è l’arte?, 2007; Warhol e Romiti. Un confronto assurdo, 2008; Il sacro nell’arte contemporanea, 2011; le nuove edizioni de L’Informale. Stati Uniti Europa Italia (1995), 20037; Morandi (1989), 20102. E in quella narrativa: Otrebor e le lunule, 2003; Otrebor e la guerra del benzene, 2005; Che cosa dire quando non hai niente da dire. Paradossi di seppia, 2009. Con Mursia ha pubblicato L’informe nell’arte contemporanea (1989), 20123, Teoria generale dell’immagine (2012), 20132 e La dispensa di Suzanne. Miti, errori e false credenze nell’arte contemporanea (2013), 20142.


Rassegna stampa