Sidebar
-5%

Bianchi G.: Come e perche' cadde il fascismo

: Copie disponibili in magazzino

: Storia e Testimonianze

: Ugo Mursia Editore

€31,83 €33,50

QUESTIONS & ANSWERS

Have a Question?

Be the first to ask a question about this.

Ask a Question
files/60ff09-payment-glyph-icons-logos-freebie.jpg

Come e perchè cadde il fascismo
25 luglio 1943: crollo di un regime

Gianfranco Bianchi

 Pagine:390
Codice: 13101
EAN 9788842531449
Collana: 1939-1945: Seconda guerra mondiale



Colpo di Stato» della monarchia sabauda, oppure logico epilogo del regime mussoliniano e delle sue scelte di politica interna ed estera? Sulle cause che portarono alla notte del Gran Consiglio (25 luglio 1943) e quindi alla caduta di Mussolini si è a lungo dibattuto e, a oltre sessant’anni di distanza, la discussione non si è chiusa. Il testo di Gianfranco Bianchi rappresenta una pietra miliare nella storiografia del periodo fascista. Per primo ha affrontato in modo sistematico e completo, senza tesi precostituite, la caduta del fascismo facendola risalire «alla funesta determinazione del 10 giugno 1940, premessa, concausa e spiegazione remota, in campo politico internazionale, di quanto – per effetto della guerra fascista – avverrà il 25 luglio 1943». Il libro è completato da documenti, testimonianze e biografie dei gerarchi che la notte del Gran Consiglio votarono a maggioranza la caduta di Mussolini.

 


L'autore

Gianfranco Bianchi (Como 1915-Milano 1992), storico, docente e giornalista. Iniziò giovanissimo la sua attività di pubblicista che proseguì in Svizzera dove l’8 settembre era riparato per sfuggire ai rastrellamenti tedeschi. Rientrato in Italia subito dopo il 25 aprile 1945 collaborò ai principali organi d’informazione di area cattolica. Nel 1949 assunse la direzione del quotidiano «La prealpina» di Varese, successivamente quella del «Gazzettino» di Venezia che lascerà per ritornare all’attività scientifica e didattica all’Università Cattolica di Milano. Nel 1964 con 25 luglio, crollo di un regime vinse il prestigioso premio «Italia contemporanea ».


Rassegna stampa