Sidebar
-50%

Catalano Gonzaga A.: Per l'onore dei Savoia. 1943-1944:da un superstite della corazzata Roma

: Copie disponibili in magazzino

: Storia e Testimonianze

: Ugo Mursia Editore

€7,40 €14,80

QUESTIONS & ANSWERS

Have a Question?

Be the first to ask a question about this.

Ask a Question
files/60ff09-payment-glyph-icons-logos-freebie.jpg

Per l'onore dei Savoia
1943-1944: da un superstite della corazzata Roma
Arturo Catalano Gonzaga di Cirella

Pagine: 208
Codice: 13110
EAN 9788842531685
Collana: Testimonianze fra cronaca e storia - 1939-1945: Seconda guerra mondiale


 

«Abbandonai la poppa per raggiungere il mio posto di combattimento. La corazzata Roma in coda alle corazzate Vittorio Veneto e Italia stava ultimando la sua accostata verso nord. Ero tormentato solo da un pensiero: erano i tedeschi ad attaccarci, i camerati che per tre lunghi anni avevano combattuto al nostro fianco contro gli inglesi!»

 

Il 9 settembre 1943 la corrazzata Roma, nave ammiraglia della Marina Militare Italiana, venne affondata da aerei tedeschi mentre navigava nelle acque della Sardegna, Morirono 2 ammiragli, 86 ufficiali e 1.264 uomini d'equipaggio. L'autore di queste pagine, ufficiale della Roma, svela inquietanti retroscena politico-militari di quel tragico episodio. L'affondamento della Roma non fu solo un deliberato atto di vendetta dei tedeschi per il «tradimento italiano», ma la conseguenza di un piano per salvare la monarchia sabauda elaborato dallo Stato Maggiore della Marina e rimasto segreto per anni. Il re, Vittorio Emanuele III, avrebbe costituito un nuovo regno, autonomo rispetto alle truppe tedesche e angloamericane. L'anticipazione dell'armistizio all'8 settembre fece precipitare gli avvenimenti e il progetto fallì trascinando nel disastro anche gli uomini della Roma.


L'autore

Arturo Catalano Gonzaga di Cirella (1921-2000), uscito dall'Accademia Navale col grado di guardiamarina, si imbarcò subito sulla Roma il 15 aprile 1943. Dopo l'affondamento fu recuperato in mare e sbarcò a Porto Mahon, nelle Baleari, dove venne internato fino al 1944. Negli anni Cinquanta fu inviato a San Francisco per frequentare un corso di specializzazione presso la U. S. Navy. Rientrato in Italia prestò servizio al ministero della Marina


Rassegna stampa