Sidebar
-5%

Doronzo R.: Folgore! ... E si moriva. Diario di un paracadutista

: Copie disponibili in magazzino

: Storia e Testimonianze

: Ugo Mursia Editore

€16,15 €17,00

QUESTIONS & ANSWERS

Have a Question?

Be the first to ask a question about this.

Ask a Question
files/60ff09-payment-glyph-icons-logos-freebie.jpg

Folgore! ...e si moriva
Diario di un paracadutista

Raffaele Doronzo

Pagine: 208
Codice: 13131
EAN 9788842532552
Collana: Testimonianze fra cronaca e storia - 1939-1945: Seconda guerra mondiale


 

Cadeva il cielo a pezzi su una terra piena di fiamme e loro erano lì, in qualsiasi ora o frangente.

23 ottobre 1942. El Alamein. Le forze britanniche dell’8ª armata comandata dal generale Montgomery, dopo un massiccio bombardamento d’artiglieria, iniziarono l’attacco contro le linee italo-tedesche che si difesero strenuamente fino al 4 novembre, quando il feldmaresciallo Rommel fu costretto a ordinare la ritirata. Fra i reparti che si distinsero per coraggio e spirito di sacrificio c’era la divisione paracadutisti «Folgore». Questo libro è il diario-cronaca scritto da un paracadutista del IX battaglione del 3° reggimento schierato nel settore meridionale del fronte contro un avversario che aveva una superiorità schiacciante in uomini e mezzi.

Doronzo descrive con semplicità e realismo le sue esperienze al reparto dal 6 giugno 1942, data del primo lancio d’addestramento, fino al 22 aprile 1943, giorno in cui si imbarca a Tunisi su una nave ospedale che lo riporta, ferito, in Italia. In queste pagine troviamo grande umanità e spirito di corpo, ma soprattutto valore di soldato. Perché, fra le sabbie del deserto africano, c’era l’intima convinzione che al grido di «Folgore» si dovesse sempre attaccare, subire mai, e che alla fine ci si dovesse anche sacrificare fino all’ultimo uomo.

 


L'autore

Raffaele Doronzo (1921-2004) ha frequentato i corsi di paracadutismo alla scuola militare di Tarquinia nel 1942. Trasferito in Africa settentrionale, raggiunse il fronte di El Alamein con il suo battaglione, che faceva parte della divisione «Folgore». Con questo libro ha vinto nel 1979 il Premio Letterario Arcille e nel 1983 il Premio «Cantori del Paracadutismo» Paraeuropa di Castiglione della Pescaia.


Rassegna stampa