Sidebar
-50%

Bedeschi G.: Il segreto degli alpini

: Copie disponibili in magazzino

: Storia e Testimonianze

: Ugo Mursia Editore

€8,75 €17,50

QUESTIONS & ANSWERS

Have a Question?

Be the first to ask a question about this.

Ask a Question
files/60ff09-payment-glyph-icons-logos-freebie.jpg

Il segreto degli alpini
Giulio Bedeschi

Con cd audio

Pagine: 260
Codice: 13144
EAN 978-88-425-3310-8
Collana: I libri di Giulio Bedeschi


«Ecco il semplice, elementare segreto degli alpini: un sacro patto umano. È un'intesa profonda che passa da uomo a uomo sul filo della Penna Nera. Un patto umano che, quando nasce dal patimento condiviso insieme al sangue, non sa morire.»

Non finirà mai di stupire l'archivio di Giulio Bedeschi, che ancora una volta, a più di dieci anni dalla sua morte, offre pagine intense, vere e bellissime da leggere, sulla sua esperienza fra gli alpini. La nuova raccolta comprende non solo inediti e articoli pubblicati fra gli anni Sessanta e Ottanta, ma anche brani scritti al fronte e un documento storico eccezionale: il diario del Gruppo Conegliano, compilato giorno per giorno in Russia dall'allora sottotenente medico. Nei nuovi scritti scopriamo la vera storia di alcuni personaggi dei romanzi di Bedeschi e troviamo raccontata la vita degli alpini di ieri e di oggi, in pace e in guerra, anche negli aspetti più quotidiani: il mitico cappello, i canti e i cori, il mulo, l'Adunata Nazionale. Sono pagine di denuncia e di memoria, che rivelano l'affetto di Giulio Bedeschi per i suoi alpini e, prima di tutto, la forza del loro segreto: il «patto umano» che li unisce in nome di una fraternità consolidata dagli orrori della guerra.


L'autore
Giulio Bedeschi, alpino, medico e scrittore, nasce ad Arzignano, in provincia di Vicenza, il 31 gennaio 1915. Nel 1940 ottiene l’abilitazione alla professione medica e frequenta la Scuola Allievi Ufficiali presso la Scuola Militare di Sanità a Firenze. Ufficiale medico, andò volontario prima sul fronte greco-albanese, poi, nel 1942, venne trasferito sul fronte russo dove, con gli alpini della Julia, visse la tragedia della ritirata che raccontò nel suo capolavoro Centomila gavette di ghiaccio (Mursia, 1963). Nel 1966 pubblica Il peso dello zaino, ideale continuazione delle Gavette, nel quale racconta le vicende dei reduci dalla Russia dopo l’8 settembre 1943. Nel 1972 dà alle stampe due nuovi titoli: La rivolta di Abele e La mia erba è sul Don. Negli anni Settanta e Ottanta cura per Mursia la serie «C’ero anch’io», monumentale raccolta di testimonianze di coloro che combatterono sui fronti della Seconda guerra mondiale. Nel settembre del 1990 torna in Veneto, a Verona, dove morirà nel dicembre dello stesso anno. Nel 2003 è stata pubblicata la raccolta di scritti Il Natale degli alpini e nel 2004 Il segreto degli alpini. Tutte le opere di Giulio Bedeschi sono edite in Italia da Mursia.


Rassegna stampa