Sidebar
-50%

Orza Palazzo R.: Gli angeli di Nassirya

: Non disponibile

: Storia e Testimonianze

: Ugo Mursia Editore

€10,00 €20,00

QUESTIONS & ANSWERS

Have a Question?

Be the first to ask a question about this.

Ask a Question
files/60ff09-payment-glyph-icons-logos-freebie.jpg

 Gli angeli di Nassirya
Rosita Orza Palazzo

Pagine: 224
Codice: 13154
EAN 9788842533535
Collana: Testimonianze fra cronaca e storia - Duemila e dintorni


Tanti eroi nelle pagine della storia dell'Arma. Ma quella di Nassiriya è stata la più angosciosa strage con il bilancio più alto di vittime riportato in una missione di pace all'estero dalla fine della Seconda guerra mondiale. Sono valorosi figli dell'Ita

 

Il 12 novembre 2003, intorno alle 10,40 locali (8,40 italiane), un camion lanciato a tutta velocità ha forzato il posto di blocco all'entrata del Comando Carabinieri MSU a Nassiriya, in Iraq, aprendo la strada a un'auto blindata e imbottita di esplosivo. I militari italiani di guardia al cancello hanno aperto il fuoco contro gli intrusi, ma senza riuscire a bloccarli, e l'auto ha proseguito la sua folle corsa verso la palazzina di tre piani che ospitava il dipartimento logistico della base, dove è esplosa. Trecento chili di tritolo hanno squarciato la struttura, scavando un enorme cratere antistante l'edificio. Sono morti diciannove italiani, tra cui dodici Carabinieri, cinque soldati dell'Esercito e due civili.

Con una scrittura spontanea e appassionata, che segue il flusso delle emozioni, l'Autrice, «arruolatasi» nell'Arma trentacinque anni fa sposando il generale Sabato Palazzo, rievoca la strage di Nassiriya e ricostruisce i profili privati e famigliari dei diciannove caduti, le motivazioni e gli ideali che li hanno portati in una terra lontana a svolgere una missione di pace, i sentimenti dei cittadini italiani dopo l'attentato.


L'autore

Rosita Orza Palazzo è nata nel 1942 a San Marzano sul Sarno (Salerno). Dopo aver completato gli studi classici a Nocera, nel 1966 si è laureata in Filosofia a Napoli. Tre anni dopo ha sposato Sabato Palazzo, giovane ufficiale dell'Arma dei Carabinieri da cui ha avuto tre figli, Annalisa, Vira e Piero. Ha dedicato la sua esistenza all'insegnamento e alla formazione di molte generazioni delle Scuole medie inferiori e superiori, che ha seguito con passione e originalità. Dopo la drammatica tragedia di Nassiriya, ha scritto il brano Angeli del cielo, musicato e interpretato dal giovane cantautore Gino Serretta e pubblicato in occasione del 190° Anniversario della fondazione dell'Arma dei Carabinieri (5 giugno 2004). La composizione è entrata a pieno titolo nei brani musicali militari quale inno agli eroi di cui già si vantano alcune trascrizioni, tra cui quella per il complesso bandistico dell'Arma dei Carabinieri, oggi diretto dal maestro maggiore Claudio Martinelli.


Rassegna stampa