Sidebar
-5%

Bedeschi G.: Fronte russo: c'ero anch'io (vol.II)

: Non disponibile

: Storia e Testimonianze

: Ugo Mursia Editore

€23,28 €24,50

QUESTIONS & ANSWERS

Have a Question?

Be the first to ask a question about this.

Ask a Question
files/60ff09-payment-glyph-icons-logos-freebie.jpg

Fronte russo: c’ero anch’io
Volume Secondo
A cura di Giulio Bedeschi

Pagine: 800
Codice: 13180
EAN 978-88-425-3405-1
Collana: I libri di Giulio Bedeschi


«La sofferenza e l'offerta degli umili gregari che mai pretesero di fare la storia, ma senza la pelle dei quali le vicende della storia non si possono comunque realizzare.»

Dopo la pubblicazione di Centomila gavette di ghiaccio, Giulio Bedeschi ricevette centinaia di testimonianze di reduci che gli affidarono le loro storie e i loro ricordi. Bedeschi raccolse e catalogò questa enorme mole di testimonianze e diede vita alla collana "C'ero anch'io", un'opera senza precedenti nella letteratura italiana. Un impegno particolare lo dedicò ai due volumi di Fronte russo: c'ero anch'io. In questo secondo volume i protagonisti sono gli alpini delle divisioni Tridentina, Julia, Cuneense e Vicenza che si trovarono a fronteggiare l'attacco russo dal Don a Belgorod e successivamente a ripiegare sostenendo venticinque aspri combattimenti. Il volume è completato dalle testimonianze dei combattenti abbracciando così l'intiero spiegamento delle dieci divisioni italiane impegnate nelle steppe e nella neve di Russia.


L'autore
Giulio Bedeschi, alpino, medico e scrittore, nasce ad Arzignano, in provincia di Vicenza, il 31 gennaio 1915. Nel 1940 ottiene l’abilitazione alla professione medica e frequenta la Scuola Allievi Ufficiali presso la Scuola Militare di Sanità a Firenze. Ufficiale medico, andò volontario prima sul fronte greco-albanese, poi, nel 1942, venne trasferito sul fronte russo dove, con gli alpini della Julia, visse la tragedia della ritirata che raccontò nel suo capolavoro Centomila gavette di ghiaccio (Mursia, 1963). Nel 1966 pubblica Il peso dello zaino, ideale continuazione delle Gavette, nel quale racconta le vicende dei reduci dalla Russia dopo l’8 settembre 1943. Nel 1972 dà alle stampe due nuovi titoli: La rivolta di Abele e La mia erba è sul Don. Negli anni Settanta e Ottanta cura per Mursia la serie «C’ero anch’io», monumentale raccolta di testimonianze di coloro che combatterono sui fronti della Seconda guerra mondiale. Nel settembre del 1990 torna in Veneto, a Verona, dove morirà nel dicembre dello stesso anno. Nel 2003 è stata pubblicata la raccolta di scritti Il Natale degli alpini e nel 2004 Il segreto degli alpini. Tutte le opere di Giulio Bedeschi sono edite in Italia da Mursia.


Rassegna stampa