Sidebar
-5%

AA.VV.: Cronache del genio alpino. 1935- 2005 ( Rasero A.)

: Copie disponibili in magazzino

: Storia e Testimonianze

: Ugo Mursia Editore

€21,85 €23,00

QUESTIONS & ANSWERS

Have a Question?

Be the first to ask a question about this.

Ask a Question
files/60ff09-payment-glyph-icons-logos-freebie.jpg

Cronache del genio alpino. 1935-2005
AA.VV. (a cura di Rasero A.)

Pagine: 792
Codice: 13214
EAN 9788842536048
Collana: Testimonianze fra cronaca e storia – Uomini e armi


«Ad ogni costo.»

Era il motto del I Battaglione "Artieri" per Corpo d’Armata Alpino che ha lasciato in terra di Russia più di 600 uomini a testimonianza che per loro «ad ogni costo» voleva dire anche «a costo della vita»; ma ancora oggi ogni geniere alpino dà tutto se stesso pur di raggiungere il fine. E' stato volutamente scelto come titolo il termine Cronache dal momento che non si tratta di un’opera storica, ma di uno scritto che intende narrare in modo semplice fatti, non necessariamente eroici, in grado di far comprendere chi erano e chi sono i genieri alpini anche al lettore meno «iniziato» al particolare mondo militare. Uomini schivi ma ricchi di inventiva, brontoloni ma pronti a rimboccarsi le maniche, generosi fino all’inverosimile ma capaci di far faville per ottenere quanto loro dovuto, tenaci, infaticabili e modesti, come cita la motivazione della Medaglia d’Oro concessa all’Arma del Genio per il suo operato nella Grande Guerra.

1935-2005, un percorso di settant’anni che ci mostra genieri alpini vittoriosi o morenti su tutti i fronti, ma anche stremati dalla fatica nelle operazioni di soccorso dal Vajont al Friuli, dall’Irpinia alla Valle di Stava, e ancora impegnati negli addestramenti alpinistici, o intenti a costruire bivacchi in alta quota o, più recentemente, inseriti nelle missioni di pace nei vari teatri d’oltremare. Forse i genieri alpini, che badano sempre alla sostanza e ai risultati più che alla forma, hanno fatto arrabbiare qualche volta i loro comandanti che li avrebbero voluti più puliti e ordinati, ma i genieri alpini sono fatti così e chi li conosce ne è fiero e orgoglioso.


Rassegna stampa