Sidebar
-50%

Bottaro A.: Il vento del deserto

: Copie disponibili in magazzino

: Storia e Testimonianze

: Ugo Mursia Editore

€8,00 €16,00

QUESTIONS & ANSWERS

Have a Question?

Be the first to ask a question about this.

Ask a Question
files/60ff09-payment-glyph-icons-logos-freebie.jpg

Il vento del deserto
Africa settentrionale 1942-1945

Alighiero Bottaro

Pagine: 182
Codice: 13507
EAN: 9788842536369
Collana: Testimonianze fra cronaca e storia – 1939-1945: Seconda guerra mondiale


«Tutti in buca. I serventi ai pezzi acquattati conyto i bordi delle piazzole, aspettando che passi l'inferno. E intanto medito. il combattente moderno, più che un eroe, è un martire.»

Questo è il diario scritto da un giovane ufficiale italiano che, dopo aver frequentato l'Accademia di artiglieria e genio di Torino, viene assegnato al 26° reggimento d'artiglieria della divisione «Pavia» schierata in Africa settentrionale.
Nell'estate del 1942 raggiunge il fronte di El Alamein e partecipa ai violenti combattimenti dell'ottobre-novembre contro le forze britanniche.

Fatto prigioniero, viene rinchiuso nel campo di Geneifa, Laghi Amari, poi a Heiwan, a sud del Cairo.
Nel febbraio del 1945 evade e vive in clandestinità ad Alessandria. In maggio riesce a imbarcarsi su un incrociatore della marina italiana all'ancora nella rada e raggiunge Napoli.
La guerra è finita, ma le autorità d'occupazione inglesi continuano a cercarlo perché per loro è ancora un evaso. Affronta un nuovo periodo di clandestinità tra Roma e Silvi Marina, che termina con la firma del trattato di pace di Parigi del febbraio 1947.

L'autore descrive le vicende di cui è stato protagonista con realismo e ironia, usando un linguaggio semplice e diretto. Questa è una storia vera di guerra, prigionia, evasione e sopravvivenza, in territorio nemico.

 


 

L'autore
Alighiero Bottaro (Roma 1922-Latina 2006) diventa ufficiale in servizio permanente nell'Arma d'artigliera nel marzo del 1942.
Raggiunto il suo reparto schierato nel settore di El Alamein, viene catturato in novembre nel corso della ritirata. Rinchiuso in un campo di concentramento, riesce a fuggire.
Rientrato in Italia al termine del conflitto, si laurea in Inghilterra nel 1947; l'anno successibo lascia l'esercito e opera nel settore delle Ferrovie dello Stato. Professore presso l'Università «La Sapienza» di Roma, è autore di una cinquantina di pubblicazioni tecniche.


 

Rassegna stampa
31.05.2011 RID RivDifesa

Rassegna stampa