Sidebar
-50%

Paravicini P.: Pilota da caccia

: Copie disponibili in magazzino

: Storia e Testimonianze

: Ugo Mursia Editore

€7,50 €15,00

QUESTIONS & ANSWERS

Have a Question?

Be the first to ask a question about this.

Ask a Question
files/60ff09-payment-glyph-icons-logos-freebie.jpg

Pilota da caccia
1942-1945
Prefazione di Giorgio Apostolo
Pier Paolo Paravicini

Pagine: 152
Codice: 13518
EAN 9788842536765
Collana: Testimonianze fra cronaca e storia - 1939-1945: Seconda guerra mondiale


 

«Partono i 205 per la Sicilia, partono gli anziani con gli aeroplani più efficienti. Invece a me tocca una scorta diretta agli Stuka, che dovrebbero bombardare la flotta alleata e rientrare a Monserrato. Li rivedrò tutti al mio ritorno?»

 

Pilota d’aliante a diciotto anni, Paravicini passa dai biplani degli aeroclub ai monoplani da caccia impegnati sul deserto nordafricano, poi nel cielo di Napoli a difendere il capoluogo campano dai bombardieri americani e infine in Sardegna.

La guerra, per lui e per molti altri, non finisce con l’armistizio dell’8 settembre 1943.

«Ognuno faccia il suo dovere e conservi il suo posto con responsabilità, ne va sempre di mezzo la vita del pilota, mentre voi state a terra», dice in quei giorni al personale della sua squadriglia. Riprende a volare con le nuove insegne, le coccarde tricolori dell’aeronautica cobelligerante, schierata con gli Alleati. Paravicini va in missione sulla costa jugoslava e sull’Albania con la massima determinazione: spesso sono voli di ricognizione, altri d’interdizione sotto il tiro preciso della contraerea tedesca. Questo libro assume particolare importanza sul piano storico soprattutto perché l’autore rievoca l’attività operativa svolta nel 1944-45, utilizzando, fra l’altro, la pista costruita sull’isola di Lissa, dove i rapporti con le forze partigiane jugoslave non sono certo idilliaci.


L'autore

Pier Paolo Paravicini, nato a Milano nel 1920, è entrato nel mondo dell’aviazione nel 1936 ottenendo il brevetto di volo a vela. Diventato ufficiale pilota, ha partecipato al Secondo conflitto mondiale con il 51° stormo da caccia combattendo in Africa settentrionale, nell’Italia meridionale e in Sardegna. Dopo l’armistizio ha operato sui Balcani con l’aeronautica del regno del Sud. Nel dopoguerra si è dedicato ad attività imprenditoriali e di consulenza nel settore.


Rassegna stampa