Sidebar
-50%

Bolzoni A.: Allah Akbar

: Copie disponibili in magazzino

: Attualità

: Ugo Mursia Editore

€6,25 €12,50

QUESTIONS & ANSWERS

Have a Question?

Be the first to ask a question about this.

Ask a Question
files/60ff09-payment-glyph-icons-logos-freebie.jpg

Allah Akbar
I "pazzi di Dio" e i moderni combattenti della Gihad islamica

Adriano Bolzoni

Pagine: 200
Codice: 13586
EAN 9788842521747
Collana: Testimonianze fra cronaca e storia - Duemila e dintorni


In Europa, in Occidente e là dove poco si conosce del mondo islamico, a proposito della Gihad, la «guerra santa», degli hezbollah, dei mugiahidin, di Hamas e di Amal, dei Fratelli musulmani e via dicendo, la confusione è grande e le informazioni generalmente superficiali.

Come sono composti e da chi sono guidati i movimenti dell'islamismo radicale? In verità, anche nei Paesi dove di prega Allah, dove si rispettano i precetti del Corano e si seguono i dettami del Profeta Maometto, non sono poi molti quelli in grado di orientarsi nel labirinto degli innumerevoli gruppi, confraternite, sette, leghe dell'islamismo di lotta.
Anche gli interpreti del messaggio profetico, i dottori dell'Islam e gli uomini di religione, sembrano incapaci di vedere con chiarezza nel ginepraio dell'integralismo che, facendo leva sull'ortodossia, muove le masse musulmane per una lotta di potere.

Nella dar al-Islam, la «casa della sottomissione a Dio», i fenomeni della modernizzazione inarrestabile, della tecnologia, dell'accelerazione del progresso scientifico, insieme alle trasformazioni politiche ed economiche provocano turbamenti profondi. Sconvolgenti in Paesi dalle tradizioni antichissime. L'Algeria, il Libano, l'Afghanistan e il Sudan non sono che gli esempi maggiori.

Questo libro è una testimonianza, per quanto parziale e relativa, di fatti e avvenimenti che quotidianamente si impongono o dovrebbero imporsi alla preoccupata attenzione dell'Occidente.


 

L'autore

Adriano Bolzoni è nato a Cremona e vive a Roma dove si è trasferito nel 1946. Combattente in Grecia e in Montenegro, poi corrispondente di guerra nella RSI, collaboratore di quotidiani e settimanali è stato anche direttore editoriale de Il Borghese. Appassionato studioso di questioni storico-militari ha pubblicato per la nostra Casa editrice I dannati di Vlassov. Lavora per il cinema e la televisione come sceneggiatore.