Sidebar
-5%

Dupuis D.: Arcipelaghi in fiamme

: Copie disponibili in magazzino

: Storia e Testimonianze

: Ugo Mursia Editore

€12,35 €13,00

QUESTIONS & ANSWERS

Have a Question?

Be the first to ask a question about this.

Ask a Question
files/60ff09-payment-glyph-icons-logos-freebie.jpg

Arcipelaghi in fiamme
Il secondo conflitto mondiale nello scacchiere del Pacifico
Dobrillo Dupuis

Pagine: 240
Codice: 13806
EAN 9788842586753
Collana: Testimonianze fra cronaca e storia - 1939-1945: Seconda guerra mondiale


Da quando, il 7 dicembre 1941, la squadra aeronavale giapponese attaccò senza preavviso la flotta americana a Pearl Harbor, ebbe inizio una delle più disperate e cruente fasi del secondo conflitto mondiale.

Due potenze, il Giappone e gli Stati Uniti, si trovarono in guerra e l'intero Oceano Pacifico andò in fiamme. Da un lato l'impero giapponese perseguiva con tenacia e ostinazione la sua politica di espansione nel settore asiatico, dall'altro gli Stati Uniti riversarono su quella che ritenevano «la nuova frontiera» un potenziale bellico ed economico immenso: fu una lotta di titani dove al militarismo e fanatismo nipponico si contrappose, con tutto il suo peso, la gigantesca organizzazione industriale e militare nordamericana.

A differenza dell'Europa delle frontiere, il confronto tra giapponesi e statunitensi si svolse in un dilatato fronte navale nel quale le forze in lotta finirono per frazionarsi dando vita a innumerevoli, durissimi scontri, in complesse battaglie aeree e navali per l'occupazione e la conquista di piccoli lembi di terre strategicamente importanti.

Per gli americani e i loro alleati il nemico si mostrava irriducibile, insidioso come la natura subtropicale e selvaggia di alcune isole. Fu un confronto serrato, una guerra senza quartiere dove intere armate venivano sacrificate senza scrupoli e dove ogni conquista era messa continuamente in discussione, ogni passo verso la vittoria finale era ostacolato dalle distanze che logoravano uomini e materiali. L'autore mostra come gli Alleati, a prezzo di enotrmi sacrifici e di eroismi, riuscissero a contenere prima e a rinserrare poi l'avversario nel suo stesso arcipelago fino all'orrore atomico, agli attacchi su Hiroshima e Nagasaki che, simili a un grande Walhalla, inghiottirono le ultime resistenze nipponiche.

Dalle ceneri di questo immane rogo che avvampò nelle coscienze, forse più che mai nei lontani mari dell'Oriente, l'autore vede profilarsi, come per una catarsi, il nuovo Giappone, lo stato moderno quale oggi noi conosciamo.


L'autore

Dobrillo Dupuis (1908-1988) è stato capitano superiore di lungo corso e medaglia d'oro di lunga navigazione. Ha combattuto sul mare durante tutta la Seconda guerra mondiale, subendo quattro naufragi. Nel dopoguerra ha ricoperto incarichi presso la NATO e ha partecipato, quale osservatore, alle manovre in mare.
Autore di volumi dedicati alla guerra sul mare, ha collaborato a pubblicazioni italiane ed estere di carattere marinaro. Presso la nostra Casa editrice sono già apparsi «SKL» chiama, Agguato sugli oceani, Forzate il blocco!, e La «flotta bianca».