Sidebar
-5%

Cavaterra E.: Sacerdoti in grigioverde

: Non disponibile

: Storia e Testimonianze

: Ugo Mursia Editore

€14,16 €14,90

QUESTIONS & ANSWERS

Have a Question?

Be the first to ask a question about this.

Ask a Question
files/60ff09-payment-glyph-icons-logos-freebie.jpg

Sacerdoti in grigioverde
Storia dell'Ordinariato militare italiano
Emilio Cavaterra

Pagine: 264
Codice: 13851
EAN 9788842515302
Collana: Testimonianze fra cronaca e storia - 1939-1945: Seconda guerra mondiale


I cappellani militari sono antichi quanto gli eserciti. Sin dall'antichità più remota, infatti, sacerdoti e religiosi hanno seguito le armate in tutte le guerre per provvedere alle necessità spirituali dei combattenti. Chi codificò per primo il loro ruolo fu l'imperatore Costantino, fresco convertito al cristianesimo, che li volle vicino a sé anche nel fragore cruento delle battaglie.

Nell'Alto Medioevo furono definiti «cappellani» perchè custodivano la «cappa di San Martino», portata a mo' di bandiera dagli eserciti dei Franchi; da allora furono stabilmente addetti all'assistenza morale dei militari, dei quali hanno sempre condiviso le sorti, anche col sacrificio della vita, come numerose volte è accaduto, specie in Italia.

L'anticlericale Garibaldi li inserì tra le sue «camicie rosse», il frammassone Thaon di Revel li arruolò nella sua Marina, il vate D'Annunzio li esaltò nei suoi versi, il «laico» Crispi li mobilitò per la campagna d'Africa, il miscredente Mussolini li inserì fra le sue «camicie nere».

In tutte le guerre questi pacifici propagatori del Vangelo della mitezza hanno scritto pagine ammirevoli di carità cristiana e di eroismo patriottico, come documentano le numerose ricompense al valore assegnate a cappellani militari entrati ormai nella leggenda, come la medaglia d'oro don Mazzoni che, sul fronte del Donetz, durante la campagna di Russia, andò sotto il fuoco a confortare un bersagliere moribondo che invocava la propria madre e fu colpito in fronte da una pallottola.

Negli ultimi ottant'anni della storia d'Italia, si contano più di seimila cappellani militari, fra cui un pontefice (Giovanni XXIII), una dozzina di cardinali, numerosi vescovi. Per alcuni di costoro sono in corso le «istruttorie» delle cause che li decreteranno «Beati» per la Chiesa.


L'autore

Emilio Cavaterra, giornalista professionista accreditato presso la Sala stampa vaticana, Accademico Tiberino, è stato direttore di riviste e agenzie di stampa, inviato speciale in Italia e all'estero, editorialista di quotidiani e periodici. Ha pubblicato vari volumi, fra cui I parlamenti di Dio, Il dissenso cattolico, La Chiesa dopo Giovanni, Il Papa negro, Il giallo della Sindone, Processo a Pio XII, Il Papa dei giorni futuri: Wojtyla.
Con la nostra Casa editrice ha pubblicato Il prefetto del Sant'Offizio. Le opere e i giorni del cardinale Ottaviani.


Rassegna stampa