Sidebar
-5%

Paoletti P.: Sant'Anna di Stazzema. 1944:la strage impunita

: Copie disponibili in magazzino

: Storia e Testimonianze

: Ugo Mursia Editore

€17,58 €18,50

QUESTIONS & ANSWERS

Have a Question?

Be the first to ask a question about this.

Ask a Question
files/60ff09-payment-glyph-icons-logos-freebie.jpg

Sant'Anna di Stazzema
1944: la strage impunita
Paolo Paoletti

Pagine: 312
Codice: 13938
EAN 9788842523291
Collana: Testimonianze fra cronaca e storia - 1939-1945: Seconda guerra mondiale


Sant'Anna di Stazzema, 12 agosto 1944: la barbarie delle SS si scatena nel massacro di un intero paese.

Vecchi, donne, bambini, nessuno viene risparmiato, i loro corpi sono bruciati in un rogo atroce: è la seconda strage nazista per numero di morti in Italia. Chi compì quel crimine orrendo?
Walter Reder, il «boia di Marzabotto», fu accusato di esserne il responsabile, ma uscì assolto da due processi. Eppure ancora oggi, nell'opinione dei più e perfino tra gli storici, la volontà di semplificazione, prevale sulla serietà della ricerca: Reder e il suo mito negativo forniscono una soluzione comoda al caso, per tutti lui e lui solo continua ad essere il colpevole.

Paoletti, per la prima volta in cinquant'anni, sfonda il muro della leggenda: con l'ostinazione del vero ricercatore ha scoperto gli atti di un'inchiesta dimenticata, portato alla luce testimonianze e documenti inediti, ricostruito con esattezza l'accaduto, giungendo infine alla rivelazione dei veri responsabili del massacro. Nel suo libro la denuncia che ci fa fremere d'indignazione: alcuni degli esecutori materiali della strage vivono serenamente in Germania, protetti dall'oblio dei tempi e dal dominio incontrastato di una storiografia troppo «pigra».


L'autore

Paolo Paoletti da circa vent'anni si dedica alla ricerca storica. Il suo metodo d'indagine abbina il puntiglioso lavoro d'archivio alle interviste dei testimoni oculari, per mettere a confronto fonti scritte e orali. Con Mursia ha pubblicato: La strage di Fossoli e 1944: San Miniato.


Rassegna stampa

7.10.2012 Il Giornale