Sidebar
-50%

Francio: I ribelli della resistenza

: Copie disponibili in magazzino

: Storia e Testimonianze

: Ugo Mursia Editore

€6,00 €12,00

QUESTIONS & ANSWERS

Have a Question?

Be the first to ask a question about this.

Ask a Question
files/60ff09-payment-glyph-icons-logos-freebie.jpg

I ribelli della Resistenza
Venti mesi di lotta e speranza
Francio

Pagine: 182
Codice: 14063
EAN 9788842541981
Collana: Testimonianze fra cronaca e storia-1939-1945: Seconda guerra mondiale
Con inserto fotografico



«Dopo l’8 settembre 1943 le nostre belle montagne, ormai abbandonate al silenzio autunnale dai mandriani e dagli alpinisti, si ripopolavano di giovani ai quali l’ardire, non ancora provato dai sacrifici della lotta, comunicava un senso di euforia indescrivibile.»

 Testimone delle ultime ore di Mussolini, Francesco Magni, nome di battaglia «Francio», descrive la lotta combattuta dai ribelli per amore della libertà, tra il settembre del ’43 e l’aprile del ’45 sulle Prealpi lombarde, sulla base dei documenti ufficiali del CLN, delle relazioni dei comandanti e della sua personale partecipazione alla Resistenza.

Dai primi gruppi spontanei di partigiani alla costituzione della 40ª Brigata «Matteotti» e della 55ª Brigata «Fratelli Rosselli», dai primi rastrellamenti e fucilazioni da parte dei nazifascisti al piano progettato ma non realizzato di liberare Galeazzo Ciano, in carcere a Verona, dai combattimenti dell’aprile del ’45 alla cattura e alla morte del Duce e di Claretta Petacci sul lago di Como: questi gli eventi che ricostruisce «Francio» e a cui partecipò insieme ai suoi compagni partigiani «Al», «Nino», «Pedro », «Mina» e «Monti», nome di battaglia di Enrico Mattei.


L'autore
Francesco Magni «Francio», comasco, nacque nel 1920. Era un giovane laureato in Giurisprudenza quando, dopo l’Armistizio, prese parte attiva alla lotta di Liberazione. Fu inquadrato nella 55ª Brigata «Fratelli Rosselli» come semplice partigiano e in seguito divenne comandante di Distaccamento e poi di Brigata. Di lui si persero le tracce nel 1946.


Rassegna stampa
12.04.2011 La Provincia
31.03.2011 Il Cittadino (Lodi)