Sidebar
-50%

Fradeani V.: Storia di un primato

: Non disponibile

: Storia e Testimonianze

: Ugo Mursia Editore

€8,50 €17,00

QUESTIONS & ANSWERS

Have a Question?

Be the first to ask a question about this.

Ask a Question
files/60ff09-payment-glyph-icons-logos-freebie.jpg

Storia di un primato
Dalla Coppa Schneider all'impresa di Agello

Valfredo Fradeani

 

Pagine: 194
Codice: 14137
EAN 9788842544074
Collana: Testimonianze fra cronaca e storia - 1919-1939: vent'anni di pace instabile


Jacques Schneider, industriale francese, amava gli idrovolanti ritenendoli macchine del futuro per la loro caratteristica di non essere vincolate per partenze e atterraggi, agli aeroporti.

Fin dalla sua nascita, l''aviazione ha rappresentato un importante indicatore del progresso tecnologico raggiunto da una nazione. La Coppa Schneider, messa in palio nel 1912, era una gara di velocità riservata agli idrovolanti. La prima edizione fu organizzata nel 1913, venne sospesa durante la Grande Guerra, riprese nel 1919 e terminò nel 1931. La conquista della Coppa fu considerata talmente prestigiosa che i governi di Londra, Parigi, Roma e Washington impegnarono ingenti risorse finanziarie e tecniche.

Negli anni Venti e Trenta, la Regia Aeronautica ebbe un ruolo di primo piano a livello internazionale e nel 1927 Mussolini decise di creare la Scuola Alta Velocità con sede a Desenzano del Garda, con un duplice obiettivo: realizzare, in collaborazione con le industrie nazionali, idrovolanti in grado di competere con gli altri Paesi per conquistare la Schneider, e battere il record di mondiale di velocità nella categoria idro. Il 23 ottobre 1934, sul lago di Garda, il maresciallo Francesco Agello, a bordo dell''idrocorsa Macchi Castoldi MC.72, raggiunse i 709,209 chilometri, limite che rimase imbattuto per decenni.


L'autore

Valfredo Fradeani, nato a Fano nel 1917, dopo studi classici, ha frequentato l''Accademia Aeronautica (corso Sparviero) conseguendo il brevetto di pilota militare nel 1940. Durante il Secondo conflitto mondiale ha preso parte a numerose missioni nel Mediterraneo centrale, Malta e Africa settentrionale. Dopo la guerra ha prestato servizio presso il 3° stormo, il Centro addestramento volo della 3a ZAT e il 35° stormo elicotteri. Con il grado di colonnello ha comandato l''aeroporto di Falconara Marittima.


Rassegna stampa