Sidebar
-5%

Antonio Quatela: Pippo vola sulla città

: Non disponibile

: Storia e Testimonianze

: Ugo Mursia Editore

€16,15 €17,00

QUESTIONS & ANSWERS

Have a Question?

Be the first to ask a question about this.

Ask a Question
files/60ff09-payment-glyph-icons-logos-freebie.jpg

Pippo vola sulla città
Ricordi e testimonianze di bambini e ragazzi milanesi tra fascismo, guerra e Resistenza
Antonio Quatela  

Pagine: 194
Codice: 14255
EAN 9788842547884
Collana: Testimonianze fra cronaca e storia-1939-1945: Seconda guerra mondiale
Con inserto fotografico

«Pippo scorrazzava impunemente di notte sulla città, sembrava imprendibile e non ti faceva dormire. Aveva un nomignolo simpatico e affettuoso, ma seminava morte come gli altri aerei senza nome.»

Tra il giugno del 1940 e l’aprile del 1945 Milano fu pesantemente colpita dai bombardamenti aerei e tutti i cittadini impararono a riconoscere Pippo, il piccolo cacciabombardiere che sganciava i suoi confetti di morte quasi ogni notte. Ma nelle vie devastate dalle macerie continuarono a giocare i bambini, che invadevano strade e prati di periferia per una partita a pallone o per fare il bagno in qualche tratto dei Navigli. Cresciuti come figli della lupa o balilla, hanno imparato a «credere, obbedire, combattere», tra inni, alzabandiera ed esercitazioni ginniche. Provengono da contesti molto diversi, da case di ringhiera o da quartieri borghesi, da famiglie fasciste deluse dal corso degli eventi o legate alla Resistenza, ma nella loro memoria sono impressi in modo indelebile gli stessi ricordi: il suono della sirena e il rumore assordante degli aerei, le notti nei rifugi, i rastrellamenti che si portavano via il vicino di casa o il parente che non tornerà più, le file per il pane nero, la magrezza dei grandi, e infine i carri degli americani e dei partigiani che festeggiano la Liberazione.

In questo libro alcuni bambini degli anni Quaranta ricordano la loro esperienza personale, che si intreccia con gli eventi della grande Storia in modo molto diverso, a volte senza lieto fine. Come per chi ha perso il papà tra i quindici partigiani fucilati in piazzale Loreto il 10 agosto 1944, o chi ha conosciuto il carcere di San Vittore perché ebreo, e poi la deportazione dal binario 21 della Stazione Centrale, Auschwitz e il rumore degli assassini attorno. 

L'autore
Antonio Quatela è nato nel 1942 a Milano, dove vive. Insegnante di lettere e storia presso i licei artistici, si occupa da lunga data di studi sulla Resistenza. Ha pubblicato a cura dell’Anpi della sua città (di cui è presidente per la sezione «25 aprile»-Città Studi) i saggi Alle fronde dei salici (2007) e Oltre il ponte (2009), in collaborazione con Roberto Cenati, e con Mursia Invito a conoscere il Crepuscolarismo (1988) e Invito alla lettura di Guicciardini (1991).


Il titolo è in vendita in libreria e nei bookstore online.

A seguire il link alla scheda del prodotto su Amazon.it e Ibs.it