Sidebar
-5%

Prencipe Carlo Felice: La brigata Bologna

: Copie disponibili in magazzino

: Storia e Testimonianze

: Ugo Mursia Editore

€16,15 €17,00

QUESTIONS & ANSWERS

Have a Question?

Be the first to ask a question about this.

Ask a Question
files/60ff09-payment-glyph-icons-logos-freebie.jpg

Carlo Felice Prencipe
LA BRIGATA «BOLOGNA»
Il 40° Reggimento Fanteria, dal Carso alla battaglia del Monte Ragogna 1917

Pagine 226 (testo: 206 + inserto: 1/20)
Euro 17,00
Codice 14356S
EAN 9788842551416

«Le operazioni sulla fronte Giulia avevano già avuto inizio il 12 maggio con potentissimi duelli di artiglieria: il 14, le fanterie, avanzate da Plava, erano riuscite a conquistare importanti linee difensive nemiche a est della testa di ponte e sulle alture a oriente di Gorizia.»

La Brigata Bologna, unità storica del Regio Esercito Italiano, ebbe un ruolo fondamentale nella 10a e nell’11a Battaglia dell’Isonzo sull’infernale fronte di Castagnevizza e di Jamiano (Carso). Nei giorni successivi a Caporetto, nella Battaglia di Ragogna sul Tagliamento, la brigata passò alla storia sacrificandosi quasi interamente per rallentare l’avanzata austro-germanica e permettere al grosso dell’Esercito Italiano di ripiegare e riorganizzarsi sul fronte Piave-Monte Grappa. Le cronache drammatiche di quelle battaglie eroiche vengono ricostruite a partire dal memoriale inedito del generale Carlo Felice Prencipe, all’epoca comandante del II Battaglione del 40° Reggimento Fanteria della Brigata Bologna, scritto durante il periodo in cui l’autore si trovava nei campi di prigionia di Rastatt, Augustabad, Cellelager e integrato nei primi anni del dopoguerra.

Un documento di straordinario valore storico in cui si ritrovano il coraggio, la forza e l’onore di chi ha lottato per il bene del nostro Paese.

Carlo Felice Prencipe (Monte Sant’Angelo, Foggia, 1874-Torino 1960), diplomato al Regio Collegio Nazionale Vittorio Emanuele di Napoli, a diciotto anni si arruola nell’Esercito: plotone allievi al 24° Fanteria (1892-1893). Nel 1894 è sergente al 22° Fanteria a Messina. Nel 1898 entra alla Scuola di Modena, uscendone ufficiale nel 1900 e venendo destinato al 53° Fanteria. Durante la Prima guerra mondiale comanda il 40° Reggimento Fanteria con il grado di maggiore.