Sidebar
-50%

Quatela A.: Sei petali di sbarre e cemento

: Non disponibile

: Storia e Testimonianze

: Ugo Mursia Editore

€7,50 €15,00

QUESTIONS & ANSWERS

Have a Question?

Be the first to ask a question about this.

Ask a Question
files/60ff09-payment-glyph-icons-logos-freebie.jpg

Sei petali di sbarre e cemento
Milano, carcere di San Vittore. 1943-1945
Antonio Quatela 

Pagine: 190
Codice: 14375
EAN 9788842551911
Collana: Testimonianze fra cronaca e storia-1939-1945: Seconda guerra mondiale
Con inserto fotografico

«All’interno dei grandi muraglioni disposti a forma di margherita, per le SS e per gli ufficiali dell’UPI tutto era lecito. Sfogliare quei petali di sbarre e cemento vuol dire scoprire frammenti terribili della storia sociale, politica e umana di Milano e dell’Italia.»

L’occupazione di San Vittore da parte dei tedeschi dopo l’8 settembre 1943 è uno degli episodi più cupi e dimenticati della storia di Milano. Il carcere, infatti, è stato il primo campo di concentramento sorto in Italia, precedente anche a Fossoli, a Bolzano-Gries e alla Risiera di San Sabba: tra il ’43 e il ’45 vi furono deportati a migliaia antifascisti ed ebrei prima di essere indirizzati verso gli orrori dei campi di sterminio.

A dirigere le operazioni di polizia dall’Albergo Regina era il capitano della Gestapo Theodor Saevecke, coadiuvato per la cattura degli ebrei dal maresciallo delle SS Otto Koch e per i detenuti politici dal maggiore Ferdinando Bossi dell’UPI. Le violenze, le torture e le ruberie che gli arrestati furono costretti a subire testimoniano la crudeltà gratuita dei loro aguzzini. Ma questi atroci episodi non cancellano i segni di profonda solidarietà umana che singole guardie carcerarie, medici e infermieri, suore e sacerdoti dimostrarono con la loro presenza ai prigionieri.

In questo libro parlano i protagonisti che ebbero la sventura di sperimentare i bracci infernali del carcere milanese prima di finire nei lager tedeschi e di sopravvivere ad essi con tracce indelebili nel corpo e nello spirito.

L'autore
Antonio Quatela è nato nel 1942 a Milano, dove vive. Insegnante di lettere e storia presso i licei artistici, si occupa da lunga data di studi sulla Resistenza in collaborazione con l’Anpi della sua città (di cui è presidente per la sezione «25 aprile»-Città Studi). Ha scritto i saggi Alle fronde dei salici (2007) e Oltre il ponte (2009), con Roberto Cenati. Con Mursia ha pubblicato Invito a conoscere il Crepuscolarismo (1988), Invito alla lettura di Guicciardini (1991) e Pippo vola sulla città (2012).

Il titolo è in vendita in libreria e nei bookstore online.
A seguire il link alla scheda del prodotto su Amazon.it e Ibs.it