Sidebar
-5%

Sanvito A.: Figure di scacchi

: Non disponibile

: Giochi

: Ugo Mursia Editore

€30,40 €32,00

QUESTIONS & ANSWERS

Have a Question?

Be the first to ask a question about this.

Ask a Question
files/60ff09-payment-glyph-icons-logos-freebie.jpg

Figure di scacchi
Alessandro Sanvito

Pagine: 126
Codice: 17362
EAN: 9788842513292
Collana: I Giochi - Scacchi


Nel panorama editoriale italiano, è questo il primo libro, scritto da un italiano, interamente dedicato ai pezzi di scacchi. L’opera è divisa in due parti. Nella prima viene illustrata l’evoluzione delle forme dei pezzi di scacchi abitualmente usati per il gioco corrente attraverso i secoli. Ne risulta una  originale e inedita storia degli scacchi raccontata attraverso i pezzi.

La seconda parte è invece dedicata alla serie di scacchi ornamentali, spesso di straordinaria bellezza, custodite nelle collezioni pubbliche e private italiane, al fine di far conoscere e valorizzare un patrimonio artistico nazionale poco noto.

L'autore

Alessandro Sanvito, nato a Milano nel 1938, studioso di storia degli scacchi, allievo dello scomparso dottor Adriano Chicco, è considerato il massimo esperto italiano di pezzi di scacchi e uno dei più stimati in campo internazionale. È autore di parecchi pregevoli articoli pubblicati su riviste italiane e straniere, e di numerosi volumi di argomento scacchistico: Gli scacchi in Lombardia (Milano, 1985), Medioevo scacchistico italiano (Milano, 1985, in collaborazione con Adriano Chicco e Franco Pratesi), Lineamenti di una bibliografia italiana degli scacchi (Roma, 1987, con Adriano Chicco), Breve storia del gioco a quattro con i dadi (Milano, 1991), L’opera scacchistica di Adriano Chicco (Milano, 1992).

Ha scoperto e illustrato due serie di scacchi del Castello Sforzesco (Milano, 1978); ha illustrato sei antichi pezzi di scacchi scoperti a Londra (Londra, 1987) e l’antico al-Fil del Correr (Venezia, 1991). Ha elaborato la teoria dell’origine del colore dei pezzi di scacchi in vari articoli e in una relazione tenuta a Londra nel maggio 1986; in un’altra relazione tenuta a Monaco di Baviera nel giugno 1988, ha illustrato il ritrovamento archeologico di Venafro. Infine, ha tenuto una conferenza a Parigi (1992) sul ritrovamento dei pezzi delle catacombe di San Sebastiano.


Rassegna stampa:

Rassegna stampa siti internet, tv e radio: