Sidebar
-50%

Marzari M.: Il bragozzo. Storia e tradizioni della tipica barca da pesca dell'Adriatico

: Non disponibile

: Mare

: Ugo Mursia Editore

€18,00 €36,00

QUESTIONS & ANSWERS

Have a Question?

Be the first to ask a question about this.

Ask a Question
files/60ff09-payment-glyph-icons-logos-freebie.jpg

Il Bragozzo
Storia e tradizione della tipica barca da pesca dell'Adriatico
Mario Marzari


Pagine: 190
Codice: 17655
EAN: 9788842521839
Collana:Biblioteca del mare - Uomini, navi e misteri del mare
Con inserto fotografico a colori


L'autore presenta in questo volume  la più diffusa barca da pesca dell'Adriatico a partire dal XVIII secolo e ne sottolinea l'importanza nella marineria tradizionale italiana. Ne analizza la storia e l'evoluzione tecnica, evidenziando i motivi del suo sviluppo e della sua scomparsa. L'opera, frutto di minuziose ricerche d'archivio, di accurate indagini sui pochi reperti e di preziose testimonianze raccolte presso gli ultimi maestri d'ascia e i vecchi pescatori, non si limita a parlare dell'imbarcazione, ma prende in esame anche l'ambiente in cui essa operava, cioè il mondo dei pescatori con le sue tradizioni e le sue particolarità, sullo sfondo dei principali centri di pesca dell'Adriatico (tra i quali spicca soprattutto Chioggia) e della Laguna.

Il volume fornisce, inoltre, una interessante descrizione dei vari sistemi di pesca, delle singole reti impiegate e dei differenti tipi di pesca praticati a seconda delle stagioni. Il volume appare di estremo interesse anche dal punto di vista iconografico: le numerose fotografie e illustrazioni che fanno da corredo al testo  sono materiale inedito prezioso.

Fondamentale importanza, infine, riveste l'araldica delle vele nell'Adriatico, unica al mondo, il cui studio era sino ad oggi trascurato, ma che qui è presentato con il giusto risalto e particolarmente evidenziato in una bella serie di tavole a colori.


L'autore
Mario Marzari (1947-2000), giornalista pubblicista, vissuto a Trieste e si è dedicato alle ricerche storico-navali sulla marineria velica, in particolare quella tradizionale.
Collaboratore di molte riviste specializzate, quali «Nautica», «Yacht Digest», «La rivista Marittima», «Chasse-Marée», «the Boatman» ed era considerato uno dei massimi esperti del settore.
I suoi principali lavori sono: Vecchie barche adriatiche (1984), Trabaccoli e Pieleghi (1988), Progetti per l'imperatore (1990), I Camuffo. Uomini e barche: cinque secoli di costruzioni navali (1991), Le barche di Sangermani (1993).