Sidebar
-5%

Bailey M.-Bailey M.: 117 giorni alla deriva

: Non disponibile

: Mare

: Ugo Mursia Editore

€13,78 €14,50

QUESTIONS & ANSWERS

Have a Question?

Be the first to ask a question about this.

Ask a Question
files/60ff09-payment-glyph-icons-logos-freebie.jpg

117 giorni alla deriva
Le terribili esperienze vissute da due naufraghi durante quattro mesi trascorsi a bordo di una zattera
Maurice e Maralyn Bailey


Pagine: 176
Codice: 17741
EAN: 9788842502081
Collana:Biblioteca del mare - Uomini, navi e misteri del mare


Chi va per mare va incontro all'avventura. È questo il diario della tremenda storia occorsa ai due autori, marito e moglie, naufragati presso le Galàpagos in seguito alla collisione con un capodoglio.
La straordinaria esperienza, durata ben centodiciassette giorni e che avrebbe potuto tramutarsi in tragedia, ci è stata riportata, giorno dopo giorno, dalle paginette del diario, dagli appunti che i Bailey iniziarono a scrivere appena tratti in salvo. Come avevano potuto resistere tanto tempo?


Dopo che le acque s'erano richiuse sopra la barca e l'orizzonte si era ristretto paurosamente attorno alla zattera, la loro sorte è stata veramente legata a un filo.
La volontà di resistere, lo spirito di sopravvivenza e la fede nelle risorse dell'ambiente hanno fatto il miracolo: sono vissuti per tutto il tempo, come le creature del mare, in simbiosi con la natura, usando la capacità di ragionamento propria dell'uomo per superare la mancanza di attitudini fisiche naturali per vincere le immense forze dell'oceano.

Acuti osservatori di quanto avveniva in un ambiente marino particolarmente interessante come la «confluenza tropicale» riuscirono, in pieno pacifico, con una capacità di adattamento che ha del sovrumano, a restare in vita per un periodo veramente incredibile: circa quattro mesi.


Gli autori
Maurice e Maralyn Bailey, inglesi, si sono dal 1968 dedicati al mare. Con Auralyn nel 1973 sono a Panama pronti al «gran salto» attraverso il Pacifico verso il disastro. Durante i giorni del naufragio avevano fantasticato che, qualora si fossero salvati, si sarebbero recati, sempre a vela in Patagonia.