Sidebar
-5%

Desio A.: Sulle vie della sete, dei ghiacci e dell'oro

: Copie disponibili in magazzino

: Biografia ETA

: Ugo Mursia Editore

€27,55 €29,00

QUESTIONS & ANSWERS

Have a Question?

Be the first to ask a question about this.

Ask a Question
files/60ff09-payment-glyph-icons-logos-freebie.jpg

Avventure straordinarie di un geologo
Ardito Desio

 

L’autobiografia di uno dei più celebri esploratori italiani.

Pagine: 434
Codice: 19108
EAN 9788842534402
Collana: Biografie

 


 

Ardito Desio, scienziato ed esploratore, è stato uno dei pionieri italiani che ha aperto la strada alla conoscenza delle zone più impervie e sconosciute della Terra: dal Sahara orientale, con i mezzi più diversi (cammelli, autocarri, aerei), alle aree più remote dell’Iran, dell’Afghanistan, del Pakistan settentrionale, attraverso le vie carovaniere del Karakorum e dell’Hindukush nell’Asia centrale. Ricerche scientifiche, ma anche imprese sportive eccezionali come la storica spedizione che nel 1954 ha portato per la prima volta due italiani sulla cima del K2. Il racconto che scorre in queste pagine è l’autobiografia di un uomo eccezionale che sin dagli anni dell’adolescenza ha cercato di andare oltre i confini del conosciuto, una sfida continua con la natura ma soprattutto con se stesso.

 


L'autore

 

Ardito Desio è nato a Palmanova (Udine) il 18 aprile 1897. Laureatosi in Scienze Naturali a Firenze nel 1920 prestò servizio come assistente nelle Università di Firenze, Pavia e Milano. In quest’ultima fondò l’Istituto di Geologia che poi diresse come professore ordinario dal 1927 al 1972. La sua attività scientifica è documentata in oltre 400 pubblicazioni. Organizzò e diresse una quindicina di spedizioni scientifiche, fra le quali quella che scalò per prima il K2, la seconda cima al mondo per altezza. è stato membro dell’Accademia Nazionale dei Lincei e socio onorario di molte società scientifiche italiane e straniere. Fu il primo Presidente dell’Associazione Nazionale dei Geologi Italiani e Presidente del Comitato Geologico per sette anni. Ha scritto su alcuni dei maggiori quotidiani e periodici italiani. Fu Cavaliere di Gran Croce dell’Ordine della Repubblica Italiana. Si è spento a Roma il 12 dicembre 2001 all’età di 104 anni.


Rassegna stampa