Sidebar
-5%

Lawrence M.: Aperture leggere del terzo di mano

: Non disponibile

: Giochi

: Ugo Mursia Editore

€13,78 €14,50

QUESTIONS & ANSWERS

Have a Question?

Be the first to ask a question about this.

Ask a Question
files/60ff09-payment-glyph-icons-logos-freebie.jpg

Aperture «leggere» del terzo di mano
Mike Lawrence

Pagine: 184
Codice: 19621
Prezzo: 14,50
EAN: 9788842520221
Collana: Biblioteca dei giochi - Bridge

 


 

In quest'ultima importante opera, il noto campione del mondo e docente di bridge Mike Lawrence vi offre la prima guida completa e moderna alle aperture in terza posizione e ai molti problemi dichiarativi del giocatore passato in apertura. Fra i problemi discussi: quando aprire leggeri in terza posizione? Cosa indica un barrage in quarta posizione? Cosa suggerisce un cambio di colore a salto dopo essere passati di mano? Come deve proseguire la licita? Come trattare le sequenze competitive? Quali sono le convenzioni utili disponibili? Lawrence tratta pressoché tutte le situazioni che possono insorgere dopo un passo iniziale, e fornisce numerosi esempi illustrativi. In questo modo il lettore potrà sviluppare i metodi e le capacità di valutazione per avere successo in questa difficile area della dichiarazione.

 


 

L'autore
Mike Lawrence è un giocatore e scrittore di bridge famoso in tutto il mondo. Come giocatore ha vinto tre Campionati Mondiali: 1970, 1971 e 1987. Oltre alle vittorie in numerosi tornei nazionali USA e regionali, Lawrence ha riportato un numero di master point che lo pone nelle prime posizioni sia nella classifica della Lega Americana sia in quella dei Grand Master della Federazione Mondiale. Come autore, Lawrence è uno dei più prolifici; non solo ha scritto più di dieci libri di bridge, ma cura una rubrica di dichiarazioni e scrive continuamente articoli per la rivista della Lega Americana. Due suoi libri, Il metodo degli esperti per localizzare gli onori mancanti e Il libro completo delle interferenze, pubblicati in Italia dalla nostra Casa editrice, sono stati eletti «libro dell'anno» da Alfred Sheinwold e sono universalmente considerati come classici.