Sidebar
-5%

Belladonna G.-Garozzo B.: Il sistema Lancia

: Copie disponibili in magazzino

: Giochi

: Ugo Mursia Editore

€10,93 €11,50

QUESTIONS & ANSWERS

Have a Question?

Be the first to ask a question about this.

Ask a Question
files/60ff09-payment-glyph-icons-logos-freebie.jpg

Il sistema lancia
Giorgio Belladonna
Benito Garozzo

Pagine: 236
Codice: 19768
Prezzo: 11,50
EAN: 9788842588948
Collana: Biblioteca dei giochi - Bridge

 


 

I pur ottimi sistemi licitativi «Fiori romano», «Fiori blue team» e «Superprecision», adottati negli ultimi anni dalla squadra azzura, presentavano alcuni piccoli difetti ai quali giocatori fuoriserie come Belladonna e Garozzo non potevano rassegnarsi. Ripropostisi, perciò, di trovare qualcosa di ancora migliore, essi,  lavorando sulle strutture essenziali dei tre sistemi predetti, ne hanno creato uno nuovo, il sistema Lancia, che viene presentato al pubblico in questo volume e che sarà impiegato dai due World Masters in tutte le competizioni ufficiali. Perch頫sistema Lancia»? Perché, rispondono Belladonna e Garozzo, «la Lancia nel 1974 volle estendere il proprio interesse anche al bridge, chiamandoci a formare una squadra che la rappresentasse nelle competizioni internazionali. Quale migliore occasione di creare un sistema che, al di là di ogni forma campanilistica, fosse l'espressione dell'italianità e che al tempo stesso racchiudesse i vantaggi della vettura di classe?». Il Lancia, dicono sempre gli autori, sembra veramente costituire un ulteriore miglioramento nei confronti dei sistemi precedenti: Belladonna e Garozzo hanno voluto provarlo e hanno raccolto tutte le mani dei campionati mondiali degli ultimi dieci anni ridichiarandole applicando il nuovo sistema: i risultati ottenuti si sono rivelati superiori ad ogni aspettativa.
Il sistema  stato elaborato in due «versioni»: una «normale», più piana e destinata a chi preferisce procedere con tranquillità; e una «HF» per quanti amano il rischio. Gli autori danno inoltre istruzioni circa il modo di passare dalla prima alla seconda, insistendo, però, perché la cosa avvenga gradualmente onde evitare il pericolo di dover affrontare certi rischi con una preparazione inadeguata.