Sidebar
-5%

Aretino P.: Ragionamento delle Corti ( Pevere F.)

: Copie disponibili in magazzino

: Letteratura

: Ugo Mursia Editore

€7,60 €8,00

QUESTIONS & ANSWERS

Have a Question?

Be the first to ask a question about this.

Ask a Question
files/60ff09-payment-glyph-icons-logos-freebie.jpg

Ragionamento delle Corti
Pietro Aretino
a cura di Fulvio Pevere

Pagine: 152
Codice: 21448
EAN: 9788842518273
Collana: GUM


Il letterato non potrà più tentare, con la propria virtù, di condurre sulla via della rettitudine un principe ormai divenuto, nel proprio delirio di onnipotenza, sordo e insensibile a ogni tentativo di ammaestramento morale: non dovrà più, quindi, accettare l'umiliazione del servizio, sempre più simile a una schiavitù, in una corte corrotta sin nella sua più intima essenza. Dovrà invece ricercare, mettendo a frutto il proprio ingegno e le proprie capacità, con l'aiuto di un'industria tipografica in continua espansione, la strada di un'inedita autonomia, offrendo la propria opera a un pubblico e a un numero di committenti sempre più vasto.
Queste rigorose premesse non saranno in realtà che il presupposto per un'equivoca scommessa, quella di far convivere la più spiccata condanna delle corti con le esigenze di un artista, quale l'Aretino, che ad esse doveva pur sempre rapportarsi per sopravvivere e con le quali continuava a mantenere rapporti di sostanziale connivenza.

 


L'autore

Pietro Aretino, nato ad Arezzo nel 1492, non si denominò mai col suo patronimico, ma sempre col nome della sua città. Nel 1517 fu a Roma. Dopo una parentesi a Mantova tornò a Roma nel 1523. In questo periodo compose i Sonetti lussuriosi e scrisse La Cortigiana. Alla fine di luglio del 1525 fu accoltellato.
Lasciò pertanto Roma e, dal marzo del 1527, si trasferì a Venezia dove scrisse e diede alle stampe la maggior parte delle sue opere e dove morì, probabilmente di apoplessia, nel 1556.

 


Il curatore

Fulvio Pevere si laureato in Lettere Moderne presso l'Università di Torino e ha conseguito il dottorato di ricerca presso l'Università di Lecce.
Ha collaborato alla redazione del Grande Dizionario della Lingua Italiana di S. Battaglia. Ha compiuto studi sulla letteratura del Cinquecento, in particolare su Pietro Aretino e su problemi teorici relativi al romanzo, e sulla prosa barocca.