Sidebar
-5%

Gambetti F.: Gli anni che scottano

: Copie disponibili in magazzino

: Storia e Testimonianze

: Ugo Mursia Editore

€9,50 €10,00

QUESTIONS & ANSWERS

Have a Question?

Be the first to ask a question about this.

Ask a Question
files/60ff09-payment-glyph-icons-logos-freebie.jpg

Gli anni che scottano
Il primo lungo viaggio dentro il fascismo

Pagine: 412
Codice: 21469
EAN 9788842519423
Collana: Testimonianze fra cronaca e storia - 1919-1939: vent'anni di pace instabile


«Gli anni che scottano» sono quelli che vanno da Caporetto a El Alamein: tra queste due date culmine della crisi nazionale è compreso, infatti, il quarto di secolo più tragico della nostra storia unitaria, durante il quale brucia e si consuma - senza che da parte soprattutto dei giovani potesse venir colta tutta la negatività del processo eversivo in atto - il meglio della  nostra tradizione liberale e risorgimentale.

Si è parlato anche di «anni dell'incoscienza» o «dell'ambiguità», e l'avere un po' troppo insistito su tali concetti e definizioni ha ingenerato il sospetto d'un giustificazionismo esasperato, d'un'autocritica tesa più a spiegare le ragioni d'un impegno politico attuale che non a fornirci il senso e la portata del compromesso della quasi totalità degli italiani con la dittatura.
Compromesso che, nel suo uscire dalla sfera del privato, assume un valore paradigmatico: come accade con questo «lungo viaggio dentro il fascismo» di Fidia Gambetti, un documento d'un'autenticità disarmante, e superante la stessa dimensione autobiografica per farsi organico discorso su un'intera generazione e che, senza indugiare nei toni recriminatori o moralistici, restituisce intatta l'esperienza di quanti maturarono all'ombra del fascio littorio.

«Non chiediamo pietà e neppure comprensione per i nostri errori: - scrive nella Presentazione Ruggero Zangrandi - li esibiamo, come sopra un tavolo anatomico, perchè i giovani imparino a distinguere un decesso naturale da quello provoato da un avvelenamento o da un aborto: guai o delitti che possono sempre verificarsi.»