Sidebar
-5%

Thackeray W.M.: Il libro degli snob

: Copie disponibili in magazzino

: Letteratura

: Ugo Mursia Editore

€16,15 €17,00

QUESTIONS & ANSWERS

Have a Question?

Be the first to ask a question about this.

Ask a Question
files/60ff09-payment-glyph-icons-logos-freebie.jpg

Il libro degli snob
William Makepeace Thackeray

«Ci sono snob relativi e snob assoluti. Per assoluti intendo gli snob che sono snob ovunque, in qualsiasi compagnia, da mattina a sera, dalla giovinezza alla tomba, essendo per natura dotati di snobismo; mentre gli altri sono snob solo in certe circostanze e occasioni della vita.»

Pagine: 300
Codice: 21643
Prezzo: 17,00
EAN: 9788842541271
Collana: I classici GUM 

 


 

Pubblicato a puntate sulla famosa rivista umoristica «Punch» fra il 1846 e il 1848, e in volume, una prima volta, nel 1848, questo pamphlet, nato per irridere e fustigare la società vittoriana, mantiene intatta tutta la sua forza e le sue pagine ben si adattano al mondo di oggi.
Arroganza e senso di inferiorità, adulazione e servilismo, ipocrisia e affettazione, ricerca del consenso e arrampicamento sociale; in sintesi, ottusa fedeltà alla piramide del sistema e delle classi caratterizzano lo snob.
Con uno stile iperbolico e grottesco, la visione del mondo che Thackeray ci presenta è quella di un unico snob universo, dove l'uguaglianza auspicata da illuministi e giacobini, radicali e liberi pensatori è confluita in un mondo piatto, nel quale poveri e ricchi, uomini e donne, nobili e borghesi, letterati e analfabeti sono tutti irrimediabilmente snob.

 


 

L'autore
William Makepeace Thackeray (Calcutta 1811-Londra 1863), lasciata l'India dopo la morte del padre, compì i suoi studi in Inghilterra con scarsi risultati. Tornato a Londra nel 1837, pur continuando la carriera di giornalista, avviò quella di scrittore. I suoi interessi satirici si rivelarono nella collaborazione al «Punch», iniziata nel 1843, dove si diede a fustigare i vizi e i difetti della società contemporanea. Tra la sua produzione romanzesca ricordiamo Barry Lindon (1844) e Vanity Fair (1847).