Sidebar
-5%

Pastacaldi P.: L'Africa non e' nera

: Copie disponibili in magazzino

: Romanzi

: Ugo Mursia Editore

€16,15 €17,00

QUESTIONS & ANSWERS

Have a Question?

Be the first to ask a question about this.

Ask a Question
files/60ff09-payment-glyph-icons-logos-freebie.jpg

L'Africa non è nera
Paola Pastacaldi

Pagine: 220
Codice: 23810
EAN 97888425549468
Collana: Romanzi Mursia


«Immaginò un camion italiano che correva da un tornante all'altro dell'altopiano sino a scomparire giù, verso il Mar Rosso. Si chiese emozionato se quel mare era davvero rosso come il sangue, quando una folla di camicie nere lo inghiottì, trascinandolo lungo la scaletta, sino al ponte della nave.»

Dietro le spalle la miseria, davanti il sogno di un posto al sole che il Duce ha promesso agli italiani. Terra, denaro, lavoro, benessere e donne, le belle africane: questo immagina Francesco, mentre si fa largo a spintoni sulla scaletta del Cesare Battisti, dove si accalcano decine di viaggiatori, commercianti, imprenditori e militari, diretti in Eritrea. L'Africa sarà da quel momento il suo destino e la bella città di Asmara la sua piccola patria. Quello di Francesco è il romanzo degli italiani che hanno investito tutto nell'epopea coloniale, ma che alla fine hanno conosciuto la sconfitta e la prigionia sotto gli inglesi o la fuga sulle navi bianche. Ma, anche quando il tutto è svanito da tempo, Francesco resta in Eritrea e ne segue il destino: il declino economico della colonia e poi l'amministrazione militare britannica. La sua vita e quella della figlia Lidia restano irreversibilmente intrecciate alla storia di un popolo che volevano conquistare e da cui sono stati invece conquistati.
Un romanzo eroico e amaro, denso di personaggi straordinari che incarnano tutte le contraddizioni di quelli che sono stati chiamati gli italiani d'Africa.


L'autrice
Paola Pastacaldi, giornalista, scrittrice e saggista, è nata a Treviso. Sulle memorie del nonno diplomatico, un livornese che ha vissuto in Etiopia ai primi del Novecento, ha pubblicato il romanzo Khadija, premio Città di Vigevano. È autrice con Bruno Rossi di Hitler è buono e vuole bene all'Italia, C'era tutt'altra volta e Vorrei essere trasmesso. Ha scritto numerosi saggi critici su giornalismo e comunicazione e tiene vari laboratori di educazione ai media nelle università e nelle scuole superiori.